Territorio

bb-sarchiotta-frontLasciata la spiaggia di San Nicolò, sulla sinistra in fondo alla valle omonima meno di 1000 metri dal mare, subito dopo l’arco instabile dei resti della antica chiesa di San Nicolò, di origine bizzantina, ecco il B&B “S’Archiotta”: immerso in un contesto paesaggistico unico, caratterizzato soprattutto dalle dune di Portixeddu – San Nicolò, sui cui crinali si sviluppa, autoctono, il Pino Domestico ( Pinus Pinea) endemico della zona, che da sempre e ancora oggi estende la sua chioma imponente ed espande il suo inconfondibile aroma.san-nicolo-portixeddu

Sull’altro versante del biotopo, che si estende per circa 400 Ha, si sviluppa l’altro endemismo della Quercia Spinosa (Quercus Coccifera) che nelle sabbie di San Nicolò – Portixeddu cresce sotto forma di albero, contrariamente alle altre zone del mediterraneo in cui si sviluppa sotto forma di cespuglio.

dune-di-Portixeddu-e-San-Nicolò-Fluminimaggiore-Buggerru-CIL’abitazione si raggiunge percorrendo un breve sentiero asfaltato immerso nella macchia mediterranea tra colonie di Ginepri fenici e coccolone, olivastri secolari, mirto, lentisco e rosmarino, orchidee selvatiche, ciclamini, erica ed elicriso che si sviluppano tra i calcari e gli scisti cambrici che caratterizzano tutto l’ambiente. Oltre il B&B, il sentiero si inoltra per uno sterrato comunque percorribile dalle auto e dopo alcune centinaia di metri, si arriva sulla duna di sabbia più alta del territorio dalla cui sommità si può ammirare il golfo in tutta la sua estensione.

 

30 aprile 2013 063Proseguendo sullo sterrato che si inerpica tortuso e affascinante sulle colline sovrastanti l’abitazione, si giunge al passo dal quale ci si affaccia su “Piscina Morta”, un piccolo lago naturale di origine eolica, ricco di acqua durante l’autunno, l’inverno e primavera, ma quasi asciutto in estate poiché le sue acque vengono assorbite dalle sabbie del rimboschimento.